//Il sito del M.A.S.C.I. Reggio Calabria 4 “Mons. Giovanni Ferro” - Home
spacer.png, 0 kB

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
Home
Reggio Non Tace sui fatti di Melito P.S.



In merito al terribile episodio di violenza sessuale e psicologica che ha visto come vittima una ragazzina di Melito Porto Salvo, il movimento ReggioNonTace, che ha già partecipato al Presidio Silenzioècomplicità e che aderisce alla fiaccolata, organizzata da Libera, di venerdì 9 settembre per le strade di Melito Porto Salvo (RC), vuole esprimere la sua indignazione per la ferocia che ha caratterizzato un branco di individui che, così agendo, ha rinunciato di fatto a ciò che ci rende esseri umani.

Ancora una volta tocca assistere ad atti criminali che sembrano passare inosservati all'interno di una collettività che ha preferito non schierarsi e dove chi sapeva ha scelto l'omertà e l'indifferenza. Quanto accaduto a Melito risponde ad un atteggiamento che va condannato da una  società civile che non intende farsi intimidire dai clan 'ndranghetisti, che hanno buon gioco grazie alla paura di tanta gente.

Sorge spontanea la domanda: come è stato possibile che un'intera comunità fatta di genitori, compagni di scuola, vicini di casa, operatori sociali, insegnanti non abbia sentito il bisogno di denunciare questa situazione orribile?

Quanto ancora si dovrà aspettare perché ogni donna e ogni uomo di questa terra martoriata si decida a lottare per la propria e l'altrui dignità? E, soprattutto, quanto tempo ancora dovrà passare prima che si affermi nella nostra terra e nel nostro paese il principio dell'inviolabilità del corpo e dell'anima di un minore che non ha gli strumenti per difendersi?

Per questo siamo e saremo vicini a questa ragazza, simbolo di tante vittime innocenti di soprusi e violenze, non solo nel chiedere giustizia, ma anche nell' impegnarci con quanti ci credono a costruire una coscienza, una cultura e una mentalità diverse, dove non ci sia spazio per alcuna forma di razzismo e di violenza.

Movimento ReggioNonTace

Leggi tutto...
 
Il MASCI Calabria sui fatti di Melito P.S.



Carissimi tutti, a proposito di quanto accaduto a Melito, osserviamo che la vita della comunità civile ed in particolare quella dei giovani, è sconvolta, colpita, avvilita dal prorompente e violento affermarsi di disvalori, di stili di vita, che non solo sono estranei alla nostra cultura, alle nostre speranze, al nostro impegno per un mondo migliore, ma confliggono duramente con essi.

Crediamo che nessuno di noi sia rimasto impassibile, senza fortemente indignarsi per tanta raccapricciante brutalità e vigliaccheria…

Nell'indignazione generale e nel cercare di molti di non stare in silenzio, crediamo, ancora una volta, che la Strada Scout possa essere metodo valido per rispondere a tanto vile e perverso abuso.

La costruzione di “buoni cittadini” sviluppata nella progettualità, nel confronto e nella cooperazione tra pari e tra generazioni e culture diverse, lo spirito di servizio e la riflessività costituiscono di certo ottimi antidoti a comportamenti illegali e passivi che umiliano la persona e la società tutta.

Come Adulti Scout del MASCI, fedeli alla nostra promessa, siamo e ci sentiamo continuamente chiamati innanzitutto a con- muoverci e metterci affianco di quanti in difficoltà, in ogni circostanza.

Con questo Spirito, esprimiamo tutta la nostra vicinanza alla ragazza abusata, chiedendo a Dio nelle nostre invocazioni che comunque da tutto questo male possa essere vittorioso il Bene.

Siamo altresi disponibili ad affiancare le forze sane della città di Melito Porto Salvo, in particolare Chiesa locale e associazioni scoutistiche, in progetti per la promozione di percorsi educativi sociali e culturali sani che mirino al più ampio rispetto della dignità umana.

Il MASCI Calabria

Leggi tutto...
 
Assemblea Nazionale del MASCI



A partire da venerdì 28 ottobre 2016, ore 16,00 fino alle ore 14,00 di domenica 30 ottobre, presso l'Hotel Domus Pacis di Assisi - Piazza Porziuncola, 1,  Santa Maria degli Angeli (PG) si svolgerà l'Assemblea Nazionale del MASCI.

Questo il programma e l' Ordine del giorno:

Leggi tutto...
 
Peppe Angelone nostro candidato al CN del MASCI



La nostra Comunità MASCI Reggio Calabria 4 "Mons. G. Ferro" ha deciso di proporre la candidatura di Giuseppe Angelone, componente della nostra comunità, quale Consigliere Nazionale, in vista della prossima Assemblea Nazionale che si terrà ad Assisi dal 28 al 30 ottobre 2016.

Giuseppe, per tutti Peppe, ha già ricoperto questo ruolo nell’ultimo triennio, ma le motivazioni che ci hanno portato a decidere di riproporne la candidatura sono legate al fatto che crediamo che la sua presenza all’interno del Consiglio Nazionale possa costituire ulteriore occasione di crescita per il nostro Movimento.

Leggi tutto...
 
Terremoto: raccolta fondi MASCI

La polvere causata dai detriti degli edifici ridotti in macerie, sui quali si è scavato tutto il giorno per recuperare qualche altra vita, ha creato una coltre grigiastra da far sembrare il sole distante e freddo; per tanti invece il  buio per sempre …

Leggi tutto...
 
Terremoto: comunicato della Caritas



Pubblichiamo un avvisto della Caritas Italiana relativo agli aiuti per il terremoto.

TERREMOTO CENTRO ITALIA – INDICAZIONI OPERATIVE

Caritas Italiana sta seguendo costantemente l’evolversi della situazione, prendendo fin dalle prime ore contatti con tutti i Vescovi, Direttori Caritas e Delegati Regionali interessati dall’evento.

Domani, 27 agosto, il Direttore nazionale di Caritas Italiana, don Francesco Soddu,  recandosi nelle zone colpite, porterà personalmente la solidarietà di tutte le Caritas diocesane alle comunità locali, e raccoglierà le prime esigenze dei territori che ci saranno prontamente comunicate.

Operativamente, ribadiamo che:

•     Non sono previste raccolte di viveri, vestiario, suppellettili ecc. o altro materiale. Se le diocesi terremotate esprimeranno dei bisogni particolari, ci saranno comunicate tempestivamente.

•     Relativamente alla disponibilità manifestata da numerosi volontari (singoli o organizzati) per recarsi nei territori colpiti, va fatto loro presente come in questo momento sarebbero di intralcio all’operato di coloro che stanno ancora lavorando alla ricerca dei dispersi e nel recupero delle vittime. La Caritas Diocesana, comunque, è disponibile ad acquisire tali disponibilità, per eventuali attività di accompagnamento a medio-lungo termine delle comunità.

•     Infine, come da prassi e indicazioni operative della CEI, si raccomanda il sollecito invio alla Caritas Diocesana di Reggio Calabria di tutte le offerte economiche raccolte per questa emergenza  nella colletta di domenica 18 settembre.

Nei prossimi giorni seguiranno ulteriori comunicazioni.
        
Per informazioni: 

CARITAS DIOCESANA
Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
tel. 0965-385550 / 0965-893609 - 
e-mail: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

Leggi tutto...
 
Lanciata la petizione del MASCI sui diritti dei migranti

   

Mercoledì 6 luglio, presso il Salone della Chiesa del Crocifisso, le Comunità MASCI RC 4 “Mons. Giovanni Ferro” e MASCI RC5, su invito del Consiglio Nazionale del M.A.S.C.I., hanno proposto alla città di Reggio Calabria una raccolta di firme per la presentazione, al Parlamento Italiano ed al Parlamento Europeo, di una Petizione popolare per il riconoscimento dei diritti umani degli immigrati.

Alla presenza dei rappresentanti delle due comunità cittadine, Giuseppe Angelone Consigliere Nazionale del Masci, ha illustrato i contenuti della Petizione,da presentareai sensi dell’art. 50 della Costituzione al Parlamento Italiano, suddivisi in sei punti: individuare corridoi umanitari sicuri per consentire il transito ai migranti vittime di guerre, persecuzioni, catastrofi e dittature garantire un’accoglienza rispettosa dei diritti della persona accelerare i tempi di identificazione e definizione delle richieste d’asilo far superare i vincoli del Regolamento di Dublino progettare veri percorsi di integrazione realizzare interventi politici/economici nelle nazioni di partenza.

Padre Bruno Mioli, dopo aver spiegato la differenza tra la protezione internazionale e quella umanitaria e confermato l’importanza di salvare tutti coloro che si trovano in situazioni di rischio, non ha esitato a portare l’adesione di tutto il Coordinamento Diocesano per i migrantiall’iniziativa ritenendola particolarmente significativa.

Bruna Mangiola, anche lei adulta scout dellanostra Comunità MASCI Reggio C. 4, ha portato l’esperienza quotidiana di accoglienza che il numeroso gruppo di volontari vive in occasione dei continui sbarchi nell’intento di alleviarne le sofferenze ed accompagnarli nella permanenza a Reggio.

L’iniziativa, oltre che costituire una preziosa occasione di riflessione e confronto con altre realtà, confessionali e laiche, nonché con singoli cittadini interessati alla problematica particolarmente avvertita nella nostra città, vuole essere un gesto concreto “Per passare dall’emozione all’azione”, grazie alla forza morale di cui può essere portatrice. Con una firma possiamoessere artefici di cambiamento!

Per non dover mai rispondere con un “Non lo so” alla domanda “Dov’è tuo fratello”, per essere custodi dei nostri fratelli migranti vittime di guerre, persecuzioni, catastrofi e dittature.

Non indugiare… serve anche la tua firma!

Per firmare ci si può rivolgere al MASCI RC4, presso la Chiesa degli Ottimati e al MASCI RC5 presso la Parrocchia della Candelora.

MASCI Reggio C. 4

 

Leggi tutto...
 
Petizione migranti del MASCI: l'eco sui media



L'iniziativa sulla petizione popolare a favore dei diritti dei migranti lanciata dal MASCI e promossa nella città di Reggio dalla nostra Comunità Reggio 4 e da  Reggio 5 ha avuto ampia eco sugli organi di informazione locali. La Gazzetta del Sud e il Quotidiano della Calabria hanno pubblicato articoli relativi alla notizia.

Ecco, inoltre, alcuni link che riportano agli articoli pubblicati su siti web di informazione:

calabriapost.net/news/item/6455-petizione-del-masci-per-il-riconoscimento-dei-diritti-ai-migranti  

ildispaccio.it/reggio-calabria/114184-reggio-il-masci-lancia-la-petizione-popolare-per-il-riconoscimento-dei-diritti-umani-degli-immigrati  

www.strill.it/citta/2016/07/reggio-masci-presenta-raccolta-firma-petizione-in-parlamento-su-riconoscimento-diritti-umani-agli-immigrati/  


E' disponibile anche un filmato pubblicato dal sito CalabriaPost. Clicca qui per vedere il video completo.

Leggi tutto...
 
Petizione popolare del MASCI per i diritti umani degli immigrati



Pubblichiamo il testo completo della petizione popolare lanciata dal MASCI su tutto il territorio nazionale. Sarà possibile firmare fino al 21 ottobre 2016.

Ulteriori informazioni sul sito nazionale del Movimento, www.masci.it


PETIZIONE POPOLARE EX ART. 50 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA


I sottoscrittori della presente petizione popolare, richiamandosi ai principi sanciti dalla Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo che:

A) considera il riconoscimento della dignità di tutti i membri della famiglia umana e dei loro diritti, uguali ed inalienabili, fondamento della liberta, della giustizia e della pace nel mondo;

B) ritiene il disconoscimento e il disprezzo dei diritti umani quale causa di atti di barbarie che offendono la coscienza dell'umanità, e che l'avvento di un mondo in cui gli esseri umani siano liberati dall’oppressione e dal bisogno e la più alta aspirazione dell'uomo;

Convinti, inoltre, che è urgente intervenire per mettere fine all’ormai quotidiana strage di donne, di uomini, e bambini alla disperata ricerca di pace e dignità, si rivolge al Parlamento e al Governo Italiano e al Parlamento Europeo affinché, ciascuno per le proprie competenze, si impegni a:

1.  individuare corridoi umanitari sicuri per consentire il transito ai migranti vittime di guerre,   persecuzioni, catastrofi e dittature;

2.  garantire un’accoglienza degna e rispettosa dei diritti della persona;

3.  accelerare le procedure di identificazione e definizione delle richieste di asilo, al fine di ridurre al minimo la permanenza nei centri di concentrazione dei migranti;

4.  far superare, a livello europeo i vincoli del Regolamento di Dublino;

5.  progettare e realizzare veri percorsi di integrazione.

6. realizzare interventi politici/economici nelle nazioni di partenza dei migranti.

Leggi tutto...
 
Corpus domini



In verità vi dico: ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l'avete fatto a me (Matteo – 25)


Nel giorno della festa del Corpus Domini, i corpi di Cristo scendono dondolando nel vento, appesi a delle corde, stretti in sacchi grigi di tela, bruciati dal sole.

Dentro quegli involti informi, donne, uomini e bambini dormono il sonno della morte, sorpresi da un mare tenebroso e possente, che li ha ghermiti e rapiti nella loro inerme incapacità di resistere alle onde.

Giunti nel porto, avevano guardato dall’alto del ponte della nave i loro fratelli che scendevano sulla banchina e si accoccolavano silenziosi nelle tende, preparate da coloro che, per un rapido momento, li accudivano e davano loro da mangiare e da bere, offrendo quell’affetto e quell’abbraccio che forse, da troppo tempo, non avevano ricevuto.

Negli sguardi di quelle persone si coglieva l’enorme privazione di una vita graffiata da una sorte avversa, scavata nella parte della dignità più essenziale, gravata da un peso enorme di un viaggio che non scorgeva ancora un punto di arrivo.

Sulla pelle d’ebano, si vedono i segni delle malattie e della fatica di vivere che scorrono paralleli al tracciato delle vene e smorfiano profili e muscoli, rendendo ancora più visibile il disagio di esseri umani, costretti dalla guerra e dalla paura a scappare dalle loro case e dalle loro famiglie per cercare di sopravvivere in posti lontani, fra gente che costruisce muri e dorme in letti di soffice spugna.

Sono le avanguardie di un continente in fuga, le retrovie di un esercito in disarmo, le sentinelle silenziose di un mondo sconfitto.
Fra loro, i bambini offrono e declamano insistentemente ed ostinatamente la loro innocenza, accennando sorrisi deliziosi e tristi a coloro che hanno portato giocattoli e doni, che, però, non potranno mai portare via. Li aspetta una vita difficile, spersa in qualche luogo della vecchia e sonnolenta Europa, distratta da altre incombenze opportunistiche e bieche.

Il Sacerdote e l’Imam, intanto, pregano dinanzi alle salme disposte l’una accanto all’altra sul fondo del camion della Croce Rossa, in una grande bara comune, che restituisce una immagine di una tristezza sconsolante, segno tangibile della povertà dell’uomo dei nostri tempi.

Nel vento, che si alza intanto sempre più forte, i nostri pensieri si perdono lontani.

Francesco Campolo
Comunita' MASCI RC 4

Leggi tutto...
 
"Izeia è una di noi"



Sabato (7 maggio, n.d.r.) sono arrivati altri 950 immigrati a Reggio Calabria. Altri ladri, altri germi, altri criminali! Non sono queste le cose che si dicono ad ogni sbarco? E invece sono arrivate tante belle persone. Ed è arrivata Izeia. Una mia coetanea 18enne, eritrea con tre sorelline, il padre morto sparato, la madre non è riuscita ad arrivare con le figlie. A voi madri, che proprio ieri eravate in festa, chiedo com’è la vostra sensazione nello stare lontane dai vostri figli.

Leggi tutto...
 
"Il valore della comunità"



Pubblichiamo alcuni pensieri di Jean Vanier raccolti e inviatici da Ivana Canale, Adulta Scout della nostra Comunità MASCI RC 4. Jean Vanier è un filosofo e filantropo canadese. Fondatore di "L'Arche" e ispiratore del movimento "Foi et Lumiere" è stato membro del Pontificio Consiglio per i Laici. Ha ricevuto il Premio Templeton nel 2014.

IL VALORE DELLA COMUNITA’

“Troppe persone vivono in comunità per trovare qualcosa, per appartenere a un gruppo dinamico, per avere uno stile di vita prossimo ad un ideale. Se si entra in una comunità senza sapere che vi si entra per scoprire il mistero del perdono, se ne resta presto delusi.”

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 12 di 419
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB